Consiglio di Stato. Esclusi i benefici demografici per i “figli di una categoria minore”.

Consiglio di Stato. Esclusi i benefici demografici per i “figli di una categoria minore”.

Il Consiglio di Stato – Sezione II – con la sentenza n. 5528/2019 del 05 agosto 2019 ha accolto l’appello presentato dalla Guardia di Finanza avverso la sentenza del T.A.R. Molise n.395/2011, con la quale era stato accolto un ricorso proposto da un appartenente al Corpo (non dirigente) avverso il diniego al riconoscimento della maggiorazione

Il Consiglio di Stato – Sezione II – con la sentenza n. 5528/2019 del 05 agosto 2019 ha accolto l’appello presentato dalla Guardia di Finanza avverso la sentenza del T.A.R. Molise n.395/2011, con la quale era stato accolto un ricorso proposto da un appartenente al Corpo (non dirigente) avverso il diniego al riconoscimento della maggiorazione stipendiale per benefici demografici (2,5% di scatto stipendiale per il sostentamento dei figli).

Il Consiglio di Stato ha difatti sostanzialmente ritenuto che i benefici demografici possano essere riconosciuti esclusivamente al personale dirigente e non anche non al rimanente personale (non dirigente).

L’Organo giurisdizionale di secondo grado non ha infatti condiviso la tesi del T.A.R. Molise che aveva invece ritenuto:

  • non sussistente una incompatibilità assoluta tra il diritto al riconoscimento dei benefici demografici ed il nuovo sistema di computo della retribuzione del personale militare non dirigente; 
  • che la normativa sui benefici richiesti non è stata oggetto di abrogazione espressa.

L’Organo giurisdizionale di secondo grado ha invece rappresentato di ritenere che:

  • con il nuovo sistema retributivo si è concretizzata una netta incompatibilità con la disciplina precedente che prevedeva l’attribuzione di uno scatto anticipato a seguito della nascita di un figlio; 
  • per la categoria dei dirigenti, la cui carriera ed il cui trattamento economico sono del tutto distinti da quelli del restante personale pubblico, è ammissibile la sussistenza di una diversa disciplina del trattamento economico; 
  • non è illegittimo che benefici quale quello in parola, negato all’appellato (non dirigente), siano invece riconoscibili in favore della dirigenza militare, per la quale resta la progressione per classi e scatti; 
  • nessuna incongruenza o comportamento discriminatorio è ravvisabile nella normativa nazionale per il fatto che categorie diverse di personale siano disciplinate in modo diverso quanto all’inquadramento giuridico e al trattamento economico; 
  • sì da escludere per la normativa di settore anche dubbi di legittimità costituzionale o conflitti con la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.

Il massimo organo giurisdizionale ha quindi accolto l’appello proposto dall’Amministrazione, condannando l’appartenente al Corpo al pagamento delle spese relative al doppio grado di giudizio.

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos